Frasi di Fabrizio

imagesCASJFE5T

Se utilizzate una di queste frasi per cortesia informateci
e citate la fonte, grazie.


Chi non ama il blues ha un buco nell’anima


Su Google si trova tutto, tranne l’anima.


Il grande miracolo del blues è quello di essere una musica così piena di forza e saggezza da riuscire a toccare ogni cuore, in ogni parte del mondo.


Il blues che è per definizione una musica imperfetta è sempre stato elegante.
Il blues ha l’eleganza di chi vestito di stracci cammina dritto a fronte alta attraverso le avversità della vita.


Il blues è guarigione.


L’armonica è davvero il soffio della mia anima!


C’è stato un tempo in cui la musica è stata davvero la colonna sonora delle nostre speranze, dei nostri sogni.


La vita non ha alcun senso se non serve ad aiutare gli altri. Io cerco di farlo con la musica.


Il blues non bussa, ma sfonda la porta del cuore

Beethoven non lo sapeva ma stava parlando del blues quando disse: “Suonare una nota sbagliata è insignificante, suonare senza passione è imperdonabile”


Se non è giusto e non è sbagliato, allora è blues


L’unico metro di giudizio per il blues è l’intensità con cui ci tocca l’anima


I neri tirarono fuori dalle zolle dei campi di cotone intrisi di lacrime un miracolo: il blues


Se ci si tocca il polso, si sente che la vita batte a ritmo di blues


La notte in cui le lacrime si trasformarono in musica nacque il blues


… E il dio del blues disse loro: io toglierò la tristezza dal vostro cuore…


Se secondo un grande poeta libanese “per arrivare all’alba non c’è altra via che la notte”, allora per arrivare al rock non c’è altra via che il blues


Se quello che non ti uccide ti rende più forte, allora sei pronto per il blues


Per citare un grande poeta: il segreto del blues risiede tra la vibrazione della voce di chi canta e il battito del cuore di chi ascolta…


Le anime più forti sono piene di cicatrici e di solito suonano il blues


Quando mi chiedono che cos’è il Blues, mi viene voglia di rispondere come faceva Louis Armstrong: “Se lo devi chiedere, non lo saprai mai”


Dove le parole non riescono ad arrivare, lì comincia il blues


Il blues ci aiuta a scrollarci di dosso la polvere accumulata sulla strada della vita…


Un bluesman non si giudica dal numero delle persone che lo stanno a sentire. Sarebbe come paragonare il cuoco di un piccolo ma apprezzato ristorante in collina con quaranta coperti che bisogna prenotare mesi prima e il cuoco peraltro rispettabilissimo di una mensa aziendale che prepara cinquemila pasti ogni giorno che dio manda sulla terra.


L’arte che ha avuto in dono un bluesman non è specificamente situata nella sua abilità di cantare, suonare uno strumento, scrivere canzoni, o di infiammare una platea poco disponibile a lasciarsi andare.
Il suo dono è invece quello di saper di ricercare profondamente dentro se stesso, dentro parti di sé che la maggior parte delle persone non sa nemmeno di avere e di tirar fuori da lì il suo essere più vero e profondo.
Il bluesman con la sua musica può connetterci con l’essenza che è racchiusa in ogni essere umano.